torna alle categorie

                   Chieti

Scritte & Motti del Ventennio

Altino
Altino

Scritta ad Altino in provincia di Chieti. Dice: "BISOGNA ESSERE FORTI, BISOGNA ESSERE SEMPRE PIÙ FORTI, BISOGNA ESSERE TALMENTE FORTI DA POTER FRONTEGGIARE TUTTE LE EVENTUALITÀ E GUARDARE NEGLI OCCHI FERMAMENTE QUALUNQUE DESTINO". Dal discorso pronunciato da Mussolini ad Avellino il 30 agosto 1936 per il rapporto alle Forze Armate e al popolo dell'Irpinia. Data dello scatto: settembre 2010. Si ringrazia Claudio Marsilio e si invita a visitare la pagina Flickr dell'utente "Lunghetto".

press to zoom
Atessa
Atessa

Scritta ad Atessa in provincia di Chieti. Dice: "LA PATRIA NON È UN'ILLUSIONE: LA PATRIA È LA PIÙ GRANDE, LA PIÙ UMANA, LA PIÙ PURA DELLE REALTÀ". Dal discorso pronunciato da Benito Mussolini a Roma il 4 novembre 1925 in occasione del VII° anniversario della Vittoria. Data dello scatto: agosto 2016. Si ringrazia il sig. Gianni Valerio per il contributo.

press to zoom
Atessa
Atessa

Scritta ad Atessa in provincia di Chieti. Dice: Particolare. Data dello scatto: agosto 2016. Si ringrazia il sig. Gianni Valerio per il contributo.

press to zoom
Atessa
Atessa

Scritta ad Atessa in provincia di Chieti. Particolare. Data dello scatto: ottobre 2016. Si ringrazia Flavio Capoti per il contributo.

press to zoom
Bomba
Bomba

Scritta "VINCERE" a Bomba in provincia di Chieti. Dal discorso pronunciato da Benito Mussolini a Roma il 10 giugno 1940 in occasione della dichiarazione di guerra alla Francia e alla Gran Bretagna. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Bomba
Bomba

Scritta "VINCERE" a Bomba in provincia di Chieti. Dal discorso pronunciato da Benito Mussolini a Roma il 10 giugno 1940 in occasione della dichiarazione di guerra alla Francia e alla Gran Bretagna. Particolare. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Casoli
Casoli

Scritta ormai quasi del tutto scomparsa a Casoli in provincia di Chieti. Dice: "IL CREDO DEL FASCISTA È L'EROISMO. Mussolini". Dal discorso pronunciato da Benito Mussolini a Roma il 18 marzo 1934 in occasione della seconda Assemblea Quinquennale del Regime. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Casoli
Casoli

Scritta ormai quasi del tutto scomparsa a Casoli in provincia di Chieti. Particolare. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Monteferrante
Monteferrante

Scritta a Monteferrante in provincia di Chieti. Dice: "DUE POPOLI: UNA GUERRA". Motto coniato per propagandare la fratellanza d'armi italo-tedesca durante la Seconda guerra mondiale. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Pennapiedimonte
Pennapiedimonte

Scritta fatta a mano quasi scomparsa a Pennapiedimonte in provincia di Chieti. Data dello scatto: agosto 2012. Si ringrazia l'arch. Claudio Marsilio per il contributo e si invita a visitare la pagina Flickr dell'utente "Lunghetto".

press to zoom
Pennapiedimonte
Pennapiedimonte

Seconda scritta fatta a mano a Pennapiedimonte in provincia di Chieti. Dice: "VINCERE O MORIRE". Data dello scatto: agosto 2012. Si ringrazia l'arch. Claudio Marsilio per il contributo e si invita a visitare la pagina Flickr dell'utente "Lunghetto".

press to zoom
Pretoro
Pretoro

Scritta a Pretoro in provincia di Chieti. Dice: "LAVORIAMO CON CUORE PURO E CON MENTE ALACRE PER LA PROSPERITÀ E LA GRANDEZZA DELLA PATRIA". Dal discorso pronunciato da Benito Mussolini alla Camera dei Deputati (passato alla storia come "Discorso del bivacco") il 16 novembre 1922. Data dello scatto: agosto 2015. Si ringrazia l'arch. Claudio Marsilio per il contributo e si invita a visitare la pagina Flickr dell'utente "Lunghetto".

press to zoom
Roccamontepiano
Roccamontepiano

Scritta a Roccamontepiano in provincia di Chieti. Dice: "BISOGNA ONORARE LA GENTE DEI CAMPI, CONSIDERARE I CONTADINI COME DEGLI ELEMENTI DI PRIMA CLASSE NELLA COMUNITÀ NAZIONALE". Da un articolo scritto da Benito Mussolini per l'Universal Service e riprodotto sul Popolo d'Italia del 4 luglio 1933. Data dello scatto: agosto 2015. Si ringrazia l'arch. Claudio Marsilio per il contributo e si invita a visitare la pagina Flickr dell'utente "Lunghetto".

press to zoom
Roccamontepiano
Roccamontepiano

Scritta a Roccamontepiano in provincia di Chieti. Particolare. Data dello scatto: agosto 2015. Si ringrazia l'arch. Claudio Marsilio per il contributo e si invita a visitare la pagina Flickr dell'utente "Lunghetto".

press to zoom
San Vito Chietino
San Vito Chietino

Scritta a San Vito Chietino in provincia di Chieti. Dice: "LA VITA DEVE ESSERE RISCHIATA QUOTIDIANAMENTE". Dal discorso pronunciato da Benito Mussolini a Roma il 6 Novembre 1923 per l’Aviazione. Data dello scatto: agosto 2016. Si ringrazia il sig. Gianni Valerio per il contributo.

press to zoom
San Vito Chietino
San Vito Chietino

Scritta a San Vito Chietino in provincia di Chieti. Dice: "LA VITA DEVE ESSERE RISCHIATA QUOTIDIANAMENTE". Dal discorso pronunciato da Benito Mussolini a Roma il 6 Novembre 1923 per l’Aviazione. Data dello scatto: agosto 2016. Si ringrazia il sig. Gianni Valerio per il contributo.

press to zoom
San Vito Chietino
San Vito Chietino

Scritta "VINCERE" quasi del tutto scomparsa a San Vito Chietino in provincia di Chieti. Data dello scatto: agosto 2016. Si ringrazia il sig. Gianni Valerio per il contributo.

press to zoom
San Vito Chietino
San Vito Chietino

Scritta "VINCERE" quasi del tutto scomparsa a San Vito Chietino in provincia di Chieti. Data dello scatto: agosto 2016. Si ringrazia il sig. Gianni Valerio per il contributo.

press to zoom
San Vito Chietino
San Vito Chietino

Scritta "VINCERE" quasi del tutto scomparsa a San Vito Chietino in provincia di Chieti. Data dello scatto: agosto 2016. Si ringrazia il sig. Gianni Valerio per il contributo.

press to zoom
Villa Santa Maria
Villa Santa Maria

Scritta "ANNO XVIII DUX" incisa nella roccia del monte Penna a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. Data dello scatto: luglio 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Villa Santa Maria
Villa Santa Maria

Scritta "ANNO XVIII DUX" incisa nella roccia del monte Penna a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. Particolare. Data dello scatto: luglio 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Villa Santa Maria
Villa Santa Maria

Scritta "ANNO XVIII DUX" incisa nella roccia del monte Penna a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. Particolare. Data dello scatto: luglio 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Villa Santa Maria
Villa Santa Maria

Scritta a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. Dice: "CREDERE OBBEDIRE COMBATTERE". Dal discorso pronunciato da Benito Mussolini alla Vecchia Guardia a Roma il 26 marzo 1939. Il trinomio fu inserito nell'articolo 4 dello statuto del Partito. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Villa Santa Maria
Villa Santa Maria

Scritta all'interno dell'androne di un'abitazione a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. Dice: "DIO PATRIA FAMIGLIA". Trinomio originariamente attribuibile a Giuseppe Mazzini e successivamente pronunciato dal segretario del Partito nazionale fascista Giovanni Giuriati nel 1931. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Villa Santa Maria
Villa Santa Maria

Scritta all'interno dell'androne di un'abitazione a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. Dice: "DIO PATRIA FAMIGLIA". Trinomio originariamente attribuibile a Giuseppe Mazzini e successivamente pronunciato dal segretario del Partito nazionale fascista Giovanni Giuriati nel 1931. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom
Villa Santa Maria
Villa Santa Maria

Scritta all'interno dell'androne di un'abitazione a Villa Santa Maria in provincia di Chieti. Dice: "DIO PATRIA FAMIGLIA". Trinomio originariamente attribuibile a Giuseppe Mazzini e successivamente pronunciato dal segretario del Partito nazionale fascista Giovanni Giuriati nel 1931. Data dello scatto: aprile 2020. Si ringrazia il sig. Roberto Carboni per il contributo.

press to zoom